lu·di·ca architetti

Il giovane collettivo lu·di·ca architetti nasce dal desiderio di quattro amici architetti e un’amica medico di dare vita a un progetto dal design educativo e collaborativo, quello della Scuola di Adele. Tutti romagnoli di nascita, viviamo ora in città differenti (Faenza, Torino e Parigi) e abbiamo unito le nostre piccole e diversificate esperienze per questo progetto.

Lucilla

Lucilla

Architetto a Torino

É la colonna portante di tutto il progetto della scuola di Adele. Per tre anni ha vissuto a Encañada come volontaria. Attualmente collabora con Architettura senza Frontiere Piemonte per dare vita a progetti sociali e partecipativi.

Diletta

Diletta

Architetto a Faenza

É la personalità più meticolosa del team, attenta a ogni dettaglio. Lavora stabilmente presso lo studio Alessandro Bucci Architetti di Faenza e affina contemporaneamente la sua passione per l’architettura collaborando come autrice di articoli per portali online.

Caterina

Caterina

Architetto a Parigi

É la sognatrice del gruppo. Lavora stabilmente presso lo studio franco libanese Lina Ghotmeh — Architecture dopo aver svolto un’esperienza formativa presso Shigeru Ban Architects nell’ambito dell’architettura d’emergenza. 

Andrea

Andrea

Architetto a Faenza

È la componente inarrestabile del team, sempre pronto a mettersi in gioco. Rassegnato a essere l’unico componente maschile del gruppo, lavora presso lo studio Ellevuelle di Modigliana. Cry me a river. 

Elena

Elena

Medico a Bologna

È il nostro occhio esterno all’architettura. Quasi pediatra ma ormai anche quasi architetto, con molti anni di scout alle spalle, tanti viaggi e conoscenza del mondo. Mamma di Matilde.

Qua La Mano Odv

L’associazione QUA LA MANO Odv è nata dal desiderio di tanti giovani di continuare ad aiutare le persone conosciute in missione e gli amici che hanno deciso di rimanere lì a vivere. Le missioni in cui sono impegnati i volontari si trovano in Perù (Encañada, Polloc, Cajamarca, Pariamarca) e in Bolivia (Escoma).

 

L’associazione promuove attività di volontariato, effettuate in modo personale, spontaneo e gratuito dai propri associati e da chiunque desideri collaborare con l’associazione. Educazione e buon esempio sono i valori che guidano i giovani all’interno delle missioni al fine di migliorare il tenore di vita del paese. In particolare, in Perù e Bolivia, l’associazione insegna ai ragazzi una professione legata al ramo dell’arte e della cultura attraverso la lavorazione dei marmi, dei mosaici o del legno.

Missione di Encañada

La missione di Encañada si trova in Perù, nella regione di Cajamarca, a circa 3000 metri di altitudine sulle Ande peruviane.

Il comune di Encañada comprende circa 120 caserios, piccoli villaggi dislocati sulle alture della regione, in luoghi dove tutto è più difficile per la mancanza del necessario: acqua, cibo, luce, sanità, istruzione.

Dal 2002 padre Alessandro Facchini insieme a tanti volontari, ha cominciato a prendersi cura degli abitanti di Encañada cercando di dare loro una speranza per una vita più dignitosa. 

Da allora non si è più chiusa la porta e sono nate pian piano tante opere di carità: due scuole professionali (taller), una cooperativa per artigiani, tre case di accoglienza per persone inferme, una casa per bambini orfani, una scuola dell’infanzia e una primaria, case di accoglienza, casa della carità e una mensa gratuita nella città di Cajamarca.